Devo imparare ad essere felice…

imparare ad essere felice

La scorsa settimana è mancato il papà di due bambini che hanno circa l’età dei miei figli… Quando succedono certi eventi è impossibile non fermarsi a riflettere.

Io mi lamento spesso della mia quotidianità, mio marito lavora troppo, Lorenzo è sempre distratto, Stefano è sempre a casa dall’asilo per varie malattie di stagione, i soldi non sono mai abbastanza, insomma di tutto un po’…

Ora mi chiedo, ma è il caso? La risposta è NO!

Mia nonna diceva sempre che se portassimo la nostra croce in piazza per uno scambio, torneremmo sempre a casa con la nostra…

Devo imparare ad essere felice per quello che ho: una famiglia meravigliosa piena d’amore, dei figli che sono sani, con tutti i presupposti per diventare uomini in gamba, un marito che mi fa sentire una regina, mi appoggia e mi sostiene in ogni momento, e potrei elencare altre 100 cose per cui ringraziare il Signore!

Perchè vorrei sempre di più? Forse perchè è nella natura umana, forse perchè lamentarsi è facile… Il difficile sta nell’alzarsi ogni mattina e ringraziare, affrontare le difficoltà che tutti incontriamo nella giornata, ma avere il coraggio di guardarsi attorno e ringraziare, perchè le situazioni disperate sono in ogni angolo, ma non nella mia casa, dove tutto si può superare con questa ricetta:

500 gr di pazienza

400 gr di buona volontà

4 Kg di amore (uno per ciascuno)

Vuoi darmi la tua ricetta?

La prossima settimana cercherò di scrivere l’ultimo post dell’anno, così ci facciamo gli auguri e poi ci “rivedremo” dopo le feste! Un abbraccio!